Reverse In

Reverse IN è l’occasione di un gruppo di detenuti di misurarsi con l’impegno, l’obiettivo, il tempo finito e la precisione.  È una palestra per l’allenamento. Reverse IN è il laboratorio di falegnameria che Reverse ha attivato all’interno della Casa Circondariale di Montorio, a Verona, con il sostegno del Progetto Esodo. Artigianato a basso impatto ambientale: i legni utilizzati, di recupero o da filiera controllata, vengono lavorati con tecniche artigianali, per curare il dettaglio e porre attenzione sulla qualità dei prodotti realizzati.

– impatto ambientale e + impatto sociale, questi sono i risultati delle operazioni che ci interessano e vogliamo diffondere.

Nasce nell’ambito del Progetto Esodo: nel 2014 e nel 2015 Reverse ha coordinato e guidato dei corsi di formazione sulla progettazione e sulla falegnameria di autoproduzione, AUT. Nel 2016 abbiamo dato il via al progetto Reverse IN, dedicato all’avvio di un laboratorio di autoproduzione permanente, con un breve ed intenso intervento formativo al quale è seguita l’attivazione di una fase di tirocinio di inserimento lavorativo. Nel 2017 abbiamo aperto una nuova unità produttiva assumendo i detenuti per favorire la crescita professionale delle persone coinvolte nel progetto e la continuità dello stesso.

Il Progetto Esodo nasce dall’incontro delle volontà della Fondazione Cariverona, della Caritas Diocesana Bellunese, Veronese e Vicentina, del Provveditorato Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria del Triveneto, di promuovere e sostenere percorsi strutturati ed organici di inclusione socio-lavorativa a favore di persone detenute, ex-detenute o in esecuzione penale esterna ed è finanziato da Fondazione Cariverona.